DIABETE

 

                           Diabete  “Pandemia del 21° secolo“

 

FATTI E CIFRE:

(dal rapporto biennale internazionale, pubblicato di recente dall’International Diabetes Federation IDF il 12/2019):

  • 1 adulto su 11 ha il diabete (463 milioni di persone in tutto il mondo) 
  • Nel 2019, 4,2 milioni di persone sono morte per gli effetti del diabete (ciò significa che nel mondo una persona muore per gli effetti del diabete ogni 8 secondi) 
  • Numero 1 non dichiarato 2 su 2 (ovvero, una persona su due non ha ancora ricevuto diagnosi di diabete)

  • 1 gravidanza su 6 è affetta da iperglicemia (diabete gestazionale)

  • Oltre 1 milione di bambini e adolescenti soffre di diabete di tipo I. 
  • 1 persona su 5 con diabete ha più di 65 anni (92,4 milioni di persone396,6 milioni di persone di età compresa tra 19 e 64 anni soffrono di diabete. 
  • Si prevede che entro il 2030 avremo 578 milioni di persone con diabete e 700 milioni entro il 2045.
                                                                                                Grafico:numero di malati di diabete in milioni”
 
 

Diabete mellito di Tipo I

SINTOMI CLINICI:

Il pancreas (pancreas) non produce più o non produce a sufficienza insufficientemente l’ormone insulina. Il diabete di tipo 1 viene diagnosticato quando l’80% della produzione di insulina è già stata interrotta o manca. Il 90% dei pazienti non ha alcuna disposizione familiare al diabete.

Sintomi:

Aumento del bisogno di urinare (poliuria) con aumento della sete (polidipsia). Nausea, vomito, dolore addominale, affaticamento, chetoacidosi. I pazienti sono principalmente bambini, adolescenti e giovani adulti.

Poiché il pancreas non produce a sufficienza o non produce l’ormone insulina in modo sufficiente o per niente, i malati dipendono da iniezioni di insulina perenni.

Cause:

Si presume che la causa sia una reazione autoimmune per cui il sistema immunitario attacca le cellule beta produttrici di insulina nel corpo.

Ci sono cellule beta e alfa nel pancreas. Il pancreas è responsabile del rilascio di insulina e glucagone nel flusso sanguigno. Questi due ormoni regolano il metabolismo degli zuccheri nel sangue e dei carboidrati.

Laboratorio:

  • Valore della glicemia a digiuno ≥ 126 mg / dl (7,0 mmol / l)

  • Valore del glucosio plasmatico occasionale ≥ 200 mg / dl (11,1 mmol / l)

  • Valore del glucosio plasmatico due ore dopo 75 g di glucosio nel test di tolleranza al glucosio orale (OGTT = test di esposizione allo zucchero) ≥ 200 mg / dl (11,1 mmol / l)

  • Valore HbA1c (il cosiddetto valore a lungo termine) ≥ 6,5%

 

 

FORMI ESPECIALE DI DIABETE MELLITO TIPO I:
Diabete mellito Tipo 1 b (diabete idiopatico di tipo I):

In questa forma speciale, non sono rilevabili anticorpi contro l’insulina o altre parti delle cellule beta. Finora manca la causa.

Diabetis mellitus Typ I LADA (latent autoimmune diabetes in adults):

Gli adulti di peso normale che presentano sintomi particolarmente lievi di diabete di tipo I e di tipo II ne sono affetti. I pazienti hanno anticorpi caratteristici. Il trattamento di solito inizia con l’assunzione di compresse, ma termina con l’iniezione di insulina.

Questo tipo di diabete spesso colpisce pazienti inizialmente diagnosticati per errore come affetti da diabete di tipo II.  

 
 

Diabete Tipo II

Il diabete di tipo II è il più comune e attualmente 462 milioni di persone ne sono colpite in tutto il mondo. I casi di questo tipo di diabete sono triplicati negli ultimi 20 anni!

Se si guarda lo sviluppo della malattia, è chiaro che si tratta di una malattia della civiltà.

Nel frattempo, il diabete viene persino diagnosticato negli animali; tuttavia, va notato che sono solo gli animali domestici, quelli nutriti da mani umane, a soffrirne.

Sintomi clinici:

Il pancreas produce insulina, ma le cellule del corpo perdono la loro sensibilità, il che porta a una resistenza all’insulina a lungo termine.

Il rilascio di insulina dalle cellule è disturbato e il pancreas cerca di compensare questo disturbo producendo e sempre più insulina. Nonostante l’elevato rilascio di insulina, sempre meno glucosio penetra nelle cellule del corpo. I fattori scatenanti includono:

  • Obesità / sovrappeso
  • Mancanza di movimento
  • Assunzione quantitativamente elevata di macronutrienti (carboidrati vuoti, grassi cattivi e zucchero industriale)
  • Deficit di micronutrienti di lunga durata (mancanza di vitamine e oligoelementi)
  • Livelli elevati di grassi nel sangue e ipertensione sono spesso associati a prediabete o diabete (sindrome metabolica).
  • È possibile osservare una predisposizione familiare

Diagnosi:

Spesso è necessario un lungo processo per arrivare alla diagnosi, al contrario del diabete di tipo I; questo perchè l’insorgenza della malattia è graduale e i sintomi compaiono progressivamente.

Trattamento:

Oltre a un cambiamento nella dieta e nella perdita di peso, il paziente viene trattato con metformina cloridrato assunto assieme ai pasti. Il principio attivo inibisce l’assorbimento del glucosio nell’intestino e allo stesso tempo ne aumenta l’assorbimento nelle cellule. La resistenza all’insulina è ridotta.

Il principio attivo abbassa il livello di vitamina B12, quindi è importante che la vitamina venga misurata e integrata qui.

Requisiti di micronutrienti per il diabete:

  • Zinco 20-40 mg
  • Cromo 100-200 ug
  • Magnesio 300-600 mg
  • Vitamina C 1-2 g
  • Acidi grassi Omega 3 2-3 g
  • Vitamina E 400 I.E.
  • Acido alfa lipoico 600 mg
  • Complesso di vitamina B.
  • Base L-arginina 6-8 g

conosce nostra gamma Salute & Benessere

Integratori alimentari naturale pensati per migliorare il tuo benessere, made in Tuscany.
error: Content is protected !!